TITOLO I - DENOMINAZIONE - SEDE 

Articolo 1

A norma dell'art. 36 e seguenti del codice Civile, è costituita un'associazione denominata "Associazione Genitori Camogli"

 

Articolo 2

L'associazione ha sede in Camogli, via Castagneto, 21/22

 

TITOLO II - FINALITA' DELL'ASSOCIAZIONE 

Articolo 3

L'associazione non ha fini di lucro, è libera da influenze di partiti politici, ha struttura democratica, ha durata illimitata.

L'associazione è regolata dal presente statuto ed agisce nei limiti del codice civile, delle leggi statali e regionali che regolano l'attività dell'associazionismo e del volontariato, nonché dei principi generali dell'ordinamento.

Articolo 4

L'associazione ha lo scopo di promuovere e sostenere politiche e iniziative atte alla creazione, allo sviluppo di servizi ed utilità a favore di bambini e bambine, ragazzi e ragazze ed in genere a sostegno e vantaggio delle famiglie e quindi dei cittadini e di coloro che frequentano Camogli, nonché a sviluppare la solidarietà e l'integrazione tra gli associati.

In particolare:

     promuovere e sostenere politiche e iniziative volte al miglioramento della qualità della vita nel nostro territorio con particolare attenzione all'ambiente, al verde, alle aree dedicate ai più piccoli, a strutture sportive, ricreative e culturali;

     promuovere e sostenere politiche ed iniziative volte allo sviluppo ed adeguamento delle strutture scolastiche;

     promuovere e sostenere politiche e iniziative volte a limitare, e se del caso annullare le fonti di inquinamento tutte, da quello atmosferico, marino, acustico, elettromagnetico;

     promuovere e sostenere iniziative e politiche volte ad ampliare conoscenze e pratiche di attività culturali ed espressive (musica, teatro, pittura, letteratura, fotografia etc.);

     promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio al fine di comunque tramandare ed offrire migliorato alle giovani e future generazioni il patrimonio ambientale e culturale della nostra città.

     predisporre, autonomamente o su incarico di enti pubblici ed organismi privati, studi, ricerche e progetti per realizzare le finalità di cui ai punti precedenti;

 

Articolo 5

L'Associazione potrà compiere tutti gli atti e concludere tutte le operazioni necessarie e utili alla realizzazioni degli scopi sociali, collaborando anche con altre Associazioni od Enti, nazionali o esteri, che svolgano attività analoghe o accessorie all'attività sociale.

 

TITOLO III - SOCI 

Articolo 6

L’associazione è aperta a tutti coloro che condividono lo scopo e le regole dell’associazione stessa.

L'adesione all'associazione si perfeziona mediante il pagamento della quota sociale, la compilazione di un apposito modulo e il rilascio dell’attestato d’ammissione.

Sono previste le seguenti categorie di soci:

  • il socio senior che è promotore e/o socio fondatore e il socio che è ordinario da almeno due anni (da intendersi che si devono iniziare e concludere almeno due interi anni associativi, dal 31 gennaio al 31 gennaio). Il socio senior ha diritto di voto ed è eleggibile per tutte le cariche previste dallo statuto.
  • il socio ordinario che ha diritto di voto, non può essere eletto alle cariche previste dallo statuto, può essere nominato membro delle commissioni tematiche.

Il socio senior e il socio ordinario, devono possedere almeno uno dei seguenti requisiti: essere genitore residente in Camogli o avere figlio/a frequentante scuole site nel territorio di Camogli;.

  • il socio sostenitore che non ha diritto di voto e non è eleggibile alle cariche previste dallo statuto, può partecipare alle assemblee ordinarie e straordinarie, può essere nominato membro delle commissioni tematiche,
  • il socio onorario che è nominato dal Consiglio direttivo, non ha diritto di voto, non è eleggibile alle cariche previste dallo statuto, ma può partecipare alle assemblee ordinarie e straordinarie e può essere nominato membro delle commissioni tematiche.

 

Articolo 7

I soci possono partecipare a tutte le iniziative promosse dall'associazione ed intervenire alle assemblee ordinarie e straordinarie.

I soci che hanno diritto di voto, senior ed ordinari, possono esercitare tale diritto direttamente o per delega scritta data ad altro socio, per l'approvazione e le modificazioni dello statuto, dei regolamenti e per l'approvazione delle delibere assembleari e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione, solo se maggiori di età. Ogni socio ha diritto ad un solo voto, indipendentemente dalla quota associativa versata.

I soci hanno diritto alle informazioni ed al controllo stabilite dalle leggi e dallo statuto.

I soci hanno l'obbligo di rispettare le norme del presente statuto e dei regolamenti sociali e di pagare annualmente la quota sociale di adesione.

I soci che desiderano svolgere attività di volontariato, devono essere indicati dal Consiglio Direttivo tra i soci di qualsiasi categoria con provvedimento motivato, devono eseguire gli incarichi ricevuti e i lavori preventivamente concordati adeguandosi ai regolamenti interni dell'associazione.

Le prestazioni fornite dai soci sono normalmente a titolo gratuito, salvo che non risulti loro affidato un incarico professionale o altro incarico retribuito per delibera del Consiglio Direttivo.

 

Articolo 8

Le quote o i contributi associativi non sono trasmissibili.

La qualità di associato cessa esclusivamente per:

a) recesso o morte del socio;

b) mancato pagamento della quota sociale annua entro il 31 gennaio, nel qual caso la volontà di recedere si considera tacitamente manifestata;

c) esclusione per gravi motivi da disporre a cura del Consiglio Direttivo.

d) elezione o nomina a Sindaco, Consigliere o Assessore Comunale, Provinciale, Regionale, Presidente di Provincia o di Regione o Organi superiori. In questo caso il socio al termine del proprio mandato potrà acquisire nuovamente la qualità di socio della medesima categoria avuta al momento della cessazione, previa domanda al Consiglio Direttivo e pagamento della quota. Il Consiglio Direttivo provvederà senza ritardo.

Il recesso, comunque manifestato, ha effetto immediato.

I soci receduti o esclusi non hanno diritto al rimborso del contributo sociale annuo versato.

I soci esclusi possono opporsi al provvedimento del Consiglio Direttivo di fronte alla successiva Assemblea dei Soci. E' vietata la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

 

TITOLO IV - ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE 

Articolo 9

Sono organi dell'associazione:

l'Assemblea dei soci;

il Consiglio Direttivo;

il Presidente;

il Segretario;

il Collegio dei Probiviri

 

Articolo 10

l'Assemblea

L'assemblea dei soci è composta da tutti i soci  che hanno diritto e facoltà di parteciparvi (senior, ordinari, onorari e sostenitori) ed è l'organo sovrano dell'associazione.

L'assemblea è convocata almeno una volta all'anno entro il mese di aprile per verificare le attività svolte, approvare il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo, eleggere i membri scaduti del Consiglio Direttivo e dare le linee programmatiche all'associazione.

Il Consiglio Direttivo viene eletto dall’Assemblea, che è convocata in via ordinaria dal Presidente; in via straordinaria può essere richiesta dalla maggioranza del Consiglio Direttivo o da 1/5 dei soci senior ed ordinari.

L'assemblea deve essere convocata mediante comunicazione sul sito web dell'associazione e con invio di e-mail agli indirizzi di posta elettronica comunicati all'atto dell'adesione, da inviarsi almeno 15 giorni prima dell'assemblea a tutti i soci senior, ordinari e onorari.

Le variazioni di indirizzo dovranno essere tempestivamente comunicate utilizzando i canali predetti.

L'assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno la metà più uno dei soci senior ed ordinari, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti.

Ogni socio, con diritto di voto, ha diritto ad un solo voto e sono ammesse al massimo due sole deleghe per socio.

L’assemblea prima di iniziare deve nominare un proprio presidente, da scegliersi tra i soci senior, diverso da quello dell’associazione. Il presidente nominato ha il compito di: leggere l’ordine del giorno in apertura di Assemblea; accogliere interrogazioni, mozioni ed emendamenti; mantenere l’ordine nel corso delle sedute e curare che ogni singolo Socio possa esprimere le proprie opinioni indisturbato; curare che venga rispettato l’ordine del giorno; controllare i risultati delle votazioni conteggiate dal Segretario; dare lettura dei risultati delle mozioni approvate e del testo definitivo di tutte le deliberazioni adottate dall’Assemblea.

Segretario dell’Assemblea di norma è il Segretario dell’associazione, in caso di sua vacanza, l’Assemblea, su indicazione del Presidente della stessa, procede a conferire l’incarico ad un socio senior.

Le riunioni dell'assemblea vengono riassunte in un verbale redatto dal Segretario, sottoscritto dal Presidente e raccolte in un libro verbali dell'Assemblea. A tale verbale si allegano le deliberazioni, i bilanci ed i rendiconti approvati dall'assemblea. Esso resta sempre depositato presso la sede ed ogni socio può consultarlo. Inoltre un estratto del verbale, delle deliberazioni, del bilancio e dei rendiconti deve essere comunicato ai soci tramite comunicazione sul sito web dell'associazione e con invio di e-mail agli indirizzi di posta elettronica.

 

Articolo 11

Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è costituito da un minimo di 5 ad un massimo di 7 membri (5 se il numero degli associati è inferiore a 100), scelti tra i soci senior dall'assemblea generale, che restano in carica due anni e, in caso di recesso anticipato, saranno sostituiti dai soci che, nell'ultima assemblea abbiano conseguito un numero di voti immediatamente inferiore a quello dei soci eletti.

I membri del Consiglio Direttivo possono essere rieletti per un massimo di 3 mandati consecutivi, salvo acclamazione all’unanimità dei partecipanti all’assemblea per il rinnovo.

Il Consiglio nella riunione immediatamente successiva designa nel suo ambito il Presidente, il Vice-presidente, il Segretario, il Tesoriere ed affida, anche di propria iniziativa, ulteriori incarichi ritenuti necessari.

Il Presidente convoca il Consiglio almeno una volta ogni quattro mesi, tramite comunicazione dell'ordine del giorno almeno 15 giorni prima sul sito web. I Consiglieri che ne facciano richiesta scritta al Presidente, hanno diritto di ricevere entro lo stesso termine la convocazione, a propria scelta, tramite avviso via e-mail o telefonico.

Il Consiglio può deliberare solo se è presente più della metà dei suoi componenti e delibera a maggioranza dei presenti; in caso di parità vale il voto del Presidente.

Il Consiglio Direttivo, nei limiti di quanto stabilito dall'Assemblea, è investito dei più ampi poteri per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento degli scopi sociali, per l'attuazione delle delibere programmatiche assembleari e per la direzione ed amministrazione dell'associazione.

E' in sua facoltà redigere regolamenti per la disciplina dell'attività dell'associazione i quali dovranno essere sottoposti all'assemblea per l'approvazione.

e’ altresì in sua facoltà costituire commissioni tematiche e nominarne i membri, ponendo a presiederle un suo membro.

Il Consiglio Direttivo stabilisce annualmente le quote di adesione per l'anno sociale seguente e potrà individuare per particolari scopi promozionali quote diverse.

Il Consiglio Direttivo inoltre ha facoltà di nominare ogni anno soci onorari, per particolari meriti connessi alle finalità dell'associazione.

 

Articolo 12

Il Presidente

Il Presidente ha potere di firma e la rappresentanza legale dell'associazione di fronte a qualsiasi autorità giudiziaria e amministrativa e di fronte a terzi , convoca e presiede il Consiglio Direttivo e convoca l'Assemblea dei soci. In caso di sua assenza è sostituito dal Vice-Presidente. Può delegare per mansioni tecniche e particolari funzioni di rappresentanza altri membri del Consiglio Direttivo, oppure altri soci senior.

In caso di urgenza il Presidente può compiere ogni atto necessario per la tutela degli interessi dell'associazione, con successiva ratifica da parte del Consiglio Direttivo.

 

Articolo 13

Il Segretario e il Tesoriere

Il Segretario redige i verbali dell'assemblea dei soci, delle riunioni del Consiglio Direttivo e gli altri libri associativi; cura la pubblicazione della convocazione delle assemblee dei soci delle riunioni del Consiglio Direttivo con relativo ordine del giorno, e dei regolamenti sociali sul sito Web e svolge tutte le altre mansioni di segreteria che gli sono affidate dal Consiglio Direttivo. Può per la risoluzione di questioni tecniche, delegare ad altro associato.

Il Tesoriere tiene la contabilità, i libri contabili e la cassa, redige i bilanci, cura pagamenti ed incassi, secondo le indicazioni impartite dal Consiglio Direttivo.

 

Articolo 14

Il Collegio dei probiviri

L'assemblea generale nomina ogni 3 anni il collegio dei probiviri, formato da tre membri, scelti tra i soci senior.

Tutte le eventuali controversie tra gli associati, tra associati e i suoi organi e tra organi  saranno devolute a detti probiviri, i quali giudicheranno ex aequo et bono senza formalità di procedura. E' escluso il ricorso ad ogni altra giurisdizione.

 

Articolo 15

Le cariche degli organi dell'associazione sono elettive e gratuite.

In casi eccezionali e previa autorizzazione dell'assemblea potrà essere riconosciuto un rimborso spese che dovrà in seguito essere documentato dal beneficiario.

 

TITOLO V - IL PATRIMONIO ED ESERCIZIO FINANZIARIO 

Articolo 16

L'associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della propria attività da:

- quote associative e contributi degli aderenti;

- sovvenzioni e contributi di privati, singoli o organismi, nazionali o esteri;

- sovvenzioni e contributi dell'Unione Europea, dello Stato, di istituzioni o di enti pubblici, nazionali o esteri;

- rimborsi derivanti da convenzioni;

- entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali od occasionali;

- donazioni, lasciti e rendite di beni mobili o immobili pervenuti all'associazione a qualunque titolo.

 

Articolo 17

L'esercizio finanziario si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Il Consiglio Direttivo entro sessanta giorni dalla chiusura dell'esercizio dovrà redigere il bilancio consuntivo e quello preventivo da sottoporre all'approvazione dell'assemblea ordinaria annuale.

Il bilancio consuntivo deve restare depositato in copia presso la sede dell'associazione durante i quindici giorni che precedono l'assemblea e finché sia approvato. I soci possono prenderne visione ed a richiesta riceverne copia via e-mail.

Il bilancio è composto da un rendiconto economico e da un rendiconto finanziario; il rendiconto economico evidenzia analiticamente le uscite e le entrate secondo criteri di cassa, il rendiconto finanziario evidenzia la situazione patrimoniale dell'associazione elencando distintamente la liquidità, i debiti, i crediti, il valore stimato del magazzino e degli altri beni mobili ed immobili di proprietà dell'associazione.

Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi o i lasciti ricevuti.

E' vietato distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Eventuali avanzi di gestione saranno interamente destinati al perseguimento degli scopi sociali.

 

TITOLO VI - REVISIONE DELLO STATUTO E SCIOGLIMENTO 

Articolo 18

Eventuali modifiche del presente statuto dovranno essere deliberate dall'assemblea con una maggioranza di due terzi dei presenti. L'assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno due terzi dei soci senior ed ordinari, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti.

 

Articolo 19

Lo scioglimento dell'associazione è deliberato dall'assemblea generale con il voto favorevole di almeno tre quarti dei soci senior ed ordinari.

In caso di scioglimento dell'associazione, per qualunque causa, il suo patrimonio verrà obbligatoriamente devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità secondo le normative vigenti.

 

TITOLO VII - DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE

Articolo 20

Alla prima assemblea hanno diritto di partecipare tutti coloro che dotati dei requisiti di cui all'art. 6 abbiano provveduto al pagamento della quota sociale indicata dai promotori e siano a conoscenza del contenuto del presente statuto. Si specifica che i promotori in quanto tali potranno in caso di assenza all’assemblea costitutiva far pervenire la loro adesione e quota nonché l’indicazione scritta di voler candidarsi per l’elezione alle cariche previste dal presente statuto.

 

Articolo 21

Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto, trovano applicazione le norme stabilite dal Codice Civile e dalla normativa vigente.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (statutoAGC.pdf)Statuto AGCApprovato il 20/03/1093 Kb
 

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di profilazione di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Per informazioni clicca Cookies privacy policy.

Accetto

EU Cookie Directive Module Information